LA VIGNA MURATA

un terroir unico in un’isola della Venezia Nativa

UN TERROIR UNICO

Un vigneto che da secoli sfida il sale e l’acqua alta dando vita ad un vino con caratteristiche uniche al mondo. Nell’isola di Mazzorbo il vitigno Dorona di Venezia ha trovato un equilibrio magico tra un terreno vocato e la continua minaccia del sale e dell’acqua.

UN BIANCO COME UN ROSSO

Una lunga macerazione, quasi estrema, che porta ad una grande struttura e longevità del vino. Sulle orme della tradizione contadina e ispirato dai grandi rossi, Venissa è un vino bianco di carattere, indissolubilmente legato al suo terroir. Unico ettaro a mondo di Dorona di Venezia e soltanto 3500 bottiglie prodotte ogni anno.

IL VINO

una produzione limitata

UNA STORIA DI CORAGGIO

Con la grande acqua alta del 1966, si perse la grande storia viticola di Venezia. Per questo motivo, quando Gianluca Bisol scorse per caso un vigneto nell’isola di Torcello, ne rimase colpito, scoprendo non solo che le vigne sono sempre state presenti nelle isole, ma anche che alcune piante di quel vigneto erano le ultime sopravvissute di un vitigno autoctono veneziano: la Dorona di Venezia.

IL VITIGNO

L’uva d’oro di Venezia